Con Palermo Smart City è nato un uso integrato delle reti e delle nuove tecnologie per servizi e applicazioni utili alla crescita economica e al miglioramento della qualità della vita nei campi della comunicazione, della cultura, della mobilità, della tutela ambientale e dell’efficienza energetica.

Il Comune ha avviato collaborazioni con importanti partner nazionali ed internazionali, sia per quanto riguarda la creazione di una infrastruttura a servizio della città (per esempio con Enel) sia per quanto riguarda la creazione di servizi (con Cisco ed Italtel) per la formazione – intesa anche come strumento di inclusione sociale –, l’implementazione di tecnologie smart e a supporto dello sviluppo territoriale e delle startup.
Nell’ambito dei progetti del Comune sono stati già attivati alcuni interventi previsti dall’Agenda Digitale, un’eccezionale leva per la riorganizzazione dei servizi della città e della qualità della vita: dalle azioni di mobilità e logistica sostenibile, alla promozione dell’efficienza energetica alle azioni di sostegno delle persone più fragili e di lotta alla povertà.

Il Patto 2020 per la qualità e lo sviluppo è un accordo di collaborazione politico-culturale e tecnico-scientifica per la costruzione di un progetto condiviso dell’area metropolitana, sottoscritto da Comune, Università e Aziende partecipate, con l’obiettivo di affrontare i temi del lavoro in generale e delle professioni legate alla cultura, con riferimento alle aree dei servizi reali, di quelli alla persona e dello sviluppo economico e culturale.
Verrà istituita la “scuderia degli inventori” della città di Palermo, con accompagnamento al brevetto delle idee maggiormente innovative.